Crea sito

Mdina – La Vecchia Capitale. Cosa vedere 📸

Durante un soggiorno a Malta insieme a mia madre e mio fratello, ci è venuto in mente di recarci a Mdina, spinti dai racconti entusiasmanti di una mia zia. 😀

Dovete sapere che Mdina (Il-Belt is-Sieket in maltese) è l’antica capitale di Malta. 🇲🇹

Detta anche Medina, la “Città Vecchia” o la “Città Silenziosa” ha il titolo di Città Notabile.

Mdina

STORIA

Mdina è un luogo affascinante e pieno di storia, i cui primi insediamenti risalgono addirittura al IV millennio a.C. 📜

Intorno all’anno 1000 a.C. i Fenici fortificarono per la prima volta la città, probabilmente per via della sua posizione strategica nel punto più alto dell’isola. Sotto il dominio Romano il governatore dell’isola si insediò qui e gli diedero il nome di Melita e vi eressero il municipium.
Gli Atti degli Apostoli narrano che nel 60 d.C. l’apostolo San Paolo si fosse stabilito qui per tre mesi a causa del naufragio subito durante il suo ultimo viaggio verso Roma.

La città deve il suo nome agli Arabi che arrivarono a Malta intorno all’anno 870, circondando la città con alti muri difensivi. ⚔🛡

Nel 1428, Alfonso d’Aragona, detto il Magnanimo, riunì Malta e Gozo alla corona d’Aragona (Regno di Sicilia) e le diede il nome di “Città Notabile“, rimanendo capitale dell’isola sino al 1530, quando, per iniziativa di papa Clemente VII e dell’imperatore Carlo V, vi s’insediarono i Cavalieri di San Giovanni.

Nel 1693, durante il periodo di dominio dei Cavalieri di Malta, un terremoto distrusse molti degli edifici di Mdina, i restauri dei danni riportati dalle mura e dalla città furono diretti dall’architetto francese François de Mondion e voluti dall’allora Gran Maestro Manoel de Vilhena, mentre la Cattedrale di San Paolo, distrutta anch’essa, venne ricostruita su disegno dell‘architetto maltese Lorenzo Gafà.

COSA VEDERE

Cattedrale di San Paolo

Situata nella piazza dell’Arcivescono e costruita sulle rovine della vecchia chiesa ⛪ distrutta dal terremoto del 1693, presenta un’architettura molto lineare, caratterizzata dalla presenza di due campanili, ognuno col suo orologio🕰 (quello di sinistra funziona da calendario e segna i giorni ed i mesi, e quello di destra funge da orologio). Al suo interno vari oggetti e opere d’arte, tra le quali un vecchio tabernacolo in argento massiccio, il dipinto del naufragio di San Paolo (di Mattia Preti) e i preziosi lampadari in vetro di Murano

Cattedrale di San Paolo

Museo della Cattedrale

Collocato di fianco alla cattedrale, è situato all’interno di un palazzo tipicamente barocco, costruito intorno al 1774 e adibito in un primo momento come seminario, successivamente come museo. Al suo interno una preziosa collezione d’arte, reperti archeologici, archivi ma anche opere d’arte moderna.

Museo Mdina

Palazzo Falson

Un tempo abitazione di una delle più importanti famiglie nobili di Malta, oggi ospita un museo privato, ricco di splendidi oggetti e 3500 opere 😲, frutto di collezioni private e lasciti nobiliari come quadri e preziosi paramenti. Al pianterreno, il vecchio refettorio, oggi custode di armi e armature medievali. Al primo piano, si colloca una camera blindata in cui il proprietario racchiuse una ricchissima collezione di pezzi d’argenteria (circa 800!). Infine, negli appartamenti privati si trovano invece bolle papali, dipinti e gioielli antichi.

Palazzo Falson

Palazzo de Piro

Edificio storico medievale. Nel corso dei secoli è stato utilizzato in svariati modi. Oggi al suo interno un locale per mangiare qualcosa e ristorarsi di fronte ad una magnifica vista. 😍

Palazzo de Piro

Mdina Main Gate

È la porta d’ingresso alla vecchia capitale. Interamente in pietra gialla (come il resto della cittadina), è stato oggetto di restauro e rimaneggiamento, così come gli splendidi giardini sottostanti.🍀🌱🌳🌷

Mdina Gate

Museo Nazionale di Storia Naturale

Situato proprio all’ingresso di Mdina, al suo interno si racchiudono collezioni molto interessanti (ornitologia e rocce in particolar modo). Un must per gli appassionati del genere e un luogo istruttivo anche per i bambini.

Mdina Natural History Museum

Mdina Dungeons

Il museo delle torture vi mostrerà cosa avveniva nelle segrete dei più antichi palazzi maltesi durante le varie epoche (romana, bizantina, araba, normanna). ⛓🗡⚔

Mdina Dungeons

Convento Carmelitano

Risalente al XVII secolo, oggi è destinato alla presentazione della vita dei frati carmelitani 🙏 e alla mostra di una collezione di oggetti d’arte. Nel 2009, è risultato come il progetto globale vincitore del Premio per l’Eredità Architettonica di Din L-Art Helwa. Unico convento a Malta ad essere aperto al pubblico e, allo stesso tempo, a funzionare come chiesa e comunità religiosa, esso promuove lo studio della spiritualità e della tradizione carmelitana.

Convento Carmelitano Mdina

Una volta giunti a Mdina, vi suggerisco di fare un bel giretto anche a Rabat (cittadina confinante) per godere delle meraviglie storico-culturali di questo luogo (al quale dedicherò un articolo a parte!).

Nel frattempo, godetevi le piccole viuzze silenziose di Mdina, dove respirerete una quiete insolita, ritrovandovi immersi in un’atmosfera magica e leggendaria tra palazzi storici e scorci mozzafiato. 😱😍

Mdina Streets

P.S. Come arrivarci? Semplice! 🚙🚍🏍

  • utilizzate Google Maps che vi fornirà tutte le indicazioni sui bus da prendere (ricordatevi che se fate parte dell’UE, non pagherete il roaming , ma navigherete con la vostra tariffa nazionale!)
  • collegatevi al sito di Malta Public Transport e digitate nell’apposita finestra la località di partenza e quella di arrivo; infine, cliccate su Search.

Mixja tajba! (Buona passeggiata! in Maltese) 😉

Summary
Mdina - La Vecchia Capitale.  Cosa vedere
Article Name
Mdina - La Vecchia Capitale. Cosa vedere
Description
Cosa vedere a Mdina, la vecchia capitale di Malta
Author
Publisher Name
Punto e a Malta
Publisher Logo
Mdina – La Vecchia Capitale. Cosa vedere 📸 ultima modifica: 2018-05-24T21:55:43+00:00 da puntoeamalta